Are u ready? On V-drome you can watch movies and videos of visual artists and filmmakers on the contemporary scene

Vdrome is an online platform that offers regular, high quality screenings of films and videos directed by visual artists and filmmakers, whose production lies in-between contemporary art and cinema.
Each screening is presented during a limited period, as in a movie theatre.
Vdrome makes available a program of exceptional artists’s films and videos that are selected due to their importance, quality and innovative strength, many of which are only shown in the context of film festivals, exhibitions or specific surveys, being therefore of very limited access.
Vdrome is an initiative conceived and promoted by Mousse.

Curators: Edoardo Bonaspetti, Jens Hoffmann, Andrea Lissoni and Filipa Ramos
Coordination: Maria Acciaro and Davide Giannella
Web: Enrico Boccioletti

Project Partner:

Mousse Magazine and Publishing, Via De Amicis 53, 20123 Milano, Italy
T: +39 02 8356631, F: +39 02 49531400 M: info@moussemagazine.it

Annunci

Destroyed, Stolen, Discarded, Rejected…in the Gallery of Lost Art

ImageGen.ashx

Arno Breker, 1900-1991

The Torch Bearer and The Sword Bearer (also known as The Party and The Army)
1938

The Gallery of Lost Art is an online exhibition that tells the stories of artworks that have disappeared. Destroyed, stolen, discarded, rejected, erased, ephemeral – some of the most significant artworks of the last 100 years have been lost and can no longer be seen.
This virtual year-long exhibition explores the sometimes extraordinary and sometimes banal circumstances behind the loss of major works of art. Archival images, films, interviews, blogs and essays are laid out for visitors to examine,  relating to the loss of works by over 40 artists across the twentieth century, including such figures as Marcel Duchamp, Joan Miró, Willem de Kooning, Rachel Whiteread and Tracey Emin.

The Gallery of Lost Art is curated by Tate, designed by digital studio ISO, and produced in partnership with Channel 4, with additional support from The Arts and Humanities Research Council (AHRC).

Jennifer Mundy, curator of The Gallery of Lost Art, says : “Art tends to be the history of what has survived. But loss has shaped our sense of art’s history in ways that we are often not aware of.  Museums normally tell stories through the objects they have in their collections. But this exhibition focuses on significant works that cannot be seen.”

The Gallery of Lost Art will last for one year before itself being lost.  It launched on 2 July 2012  featuring 20 artworks,  and a new work is added each week over six months until the exhibition is complete. Beyond these showcased works, the site provides a platform for interaction, discussion and commentary on the subject of lost art as a whole.

Jane Burton, Creative Director, Tate Media, says: “The Gallery of Lost Art is a ghost museum, a place of shadows and traces. It could only ever exist virtually. The challenge was to come up with a way of showcasing these artworks and telling their stories, when, in many cases, poor quality images are all we have left of them. The result is a new way of looking at art:  an immersive website in the form of a vast warehouse, where visitors can explore the evidence laid out for them.”

Look It! http://galleryoflostart.com/

The Meaning of Things Matt Mullican at FAR COMO

On Thursday 18th of July at 6.30 pm the Fondazione Antonio Ratti will inaugurate Matt Mullican’s show The Meaning of Things, curated by Simone Menegoi and produced by the Foundation.
The exhibition will be open until September 6th, from Tuesday to Sunday, 4 – 8 pm, at Spazio Culturale Antonio Ratti (the former church of San Francesco) in Como.

images

The Meaning of Things revolves around Untitled, a set of four banners made by Mullican for his solo exhibition at Le Magasin, Grenoble (1990), and then showed only one more time due to the large size of each element (each banner measures nearly 14 meters high by 7 meters wide). The banners, which will be displayed along the central nave of the church, contain a repertoire of stylized figures that, following a code elaborated by the artist, relate to every aspect of reality and human experience, from the most immediate to the more abstract.
The symbols are divided into five areas: green (physical elements), blue (the real world as life and meaning), yellow (arts), black (language) and red (subjective understanding). The visual language of the banners is extremely immediate, similar to that of commercial logos, urban signage or heraldry – a comparison that feels very appropriate given the setting in which the work is exhibited. However, simultaneously, the meaning of the symbols, and the system they form, require the viewer to develop an understating of the code elaborated by the artist.

As Mullican never grows tired of repeating, his complex cosmology is in reality a meta-cosmology, an artistic reflexion about the way we collectively construct an image from reality: « My cosmology is a model for a cosmology; it is not a cosmology. A cosmology is a social phenomenon, not a formal one; it is a belief structure, a value structure between people». A structure as much as that of Christian religion, for instance, that has determined the architecture of the building where the exhibition will take place.

Between the banners there will be tables; they will show prints and sculpture-vitrines, offering the spectator some additional tools to interpret the code, a complex “system of systems” invented by the artists. The exhibition will be completed by a series of new cosmological schemes drawn on paper, and four videos: two are taken from “That Person”, the alter-ego of the artist when he is under hypnosis, and two are digital animations that illustrate a sort of ideal city designed by Mullican through his cosmology, or, to say it with his words, «a chart as a city».

L’ALTRA FACCIA DEL CONTEMPORANEO – INTERVISTA 15: CHAN CONTEMPORARY ART ASSOCIATION, GENOVA

L’associazione CHAN vuole essere una piattaforma di confronto e collaborazione tra artisti e curatori emergenti. La sua ricerca si concentra sulle ultime tendenze dell’arte e della cultura in un ambito sia nazionale che internazionale. CHAN è una piccola galleria d’arte, uno spazio curatoriale collettivo senza scopo di lucro, aperto alle più diverse forme espressive. Si propone anche come archivio di opere video e multimediali liberamente consultabile. CHAN offre un’attività parallela a quella espositiva con focus, approfondimenti e attività collaterali quali rassegne video e performance. L’associazione ha inoltre l’obiettivo di sostenere la realizzazione di progetti ideati da giovani artisti per specifiche location cittadine.

Cosa significa operare lontano dai circuiti culturali consolidati e in un certo senso ai margini del sistema dell’arte?

Il lato positivo è la maggior libertà riguardo a schemi dati o già utilizzati e quindi relativa indipendenza rispetto alla politica culturale consolidata. Ciò significa visibilità locale e grande permeabilità verso l’esterno. L’altro lato della medaglia, che sentiamo in modo particolarmente negativo, è che questa lontananza si configura anche come una mancanza di stimoli diretti. I modelli, se grandi è meglio, a cui guardare servono, eccome. La concorrenza (leale) porta ad un costante mettersi in gioco e stimola le idee.

Come vi rapportate con l’ambiente-territorio in cui lavorate? Come invece con il più ampio panorama nazionale e/o internazionale?

Il contesto riveste una grande importanza sia all’interno dei nostri progetti, sia come destinatario degli stessi. La rete, parola abusata, ma sempre calzante, per noi funziona, esiste. Collaboriamo costantemente con altri soggetti (associazioni e singoli) che si occupano di cultura, abbastanza ad ampio raggio; abbiamo lavorato con la scuola, l’università e vogliamo continuare a farlo. Le Istituzioni? Il momento storico non è particolarmente favorevole, ma cerchiamo ovviamente anche il loro sostegno.

Quali sono le vostre risorse e potenzialità e al contempo le criticità e i problemi a cui far fronte quando ci si confronta con un contesto provinciale?

Dopo 3 anni di attività, finalmente iniziamo ad avere un’identità chiara e veniamo riconosciuti sul territorio per il lavoro che facciamo. Come accennato sopra, trovarsi “al limite” significa anche più  spazio a disposizione e l’assenza di realtà simili alla nostra. La negatività più forte è la distanza fisica da situazioni  e da un tessuto culturale particolarmente stimolante e il fatto che ciò che facciamo difficilmente viene visto da non genovesi.

Quale ruolo avete (culturale, sociale, economico) nel vostro territorio e come lo avete raggiunto o state tentando di raggiungere?

Da un punto di vista culturale e sociale la nostra posizione si sta definendo in modo sempre più chiaro. Abbiamo all’attivo progetti dichiaratamente rivolti al sociale e al territorio. L’impatto culturale avviene un po’ di riflesso. Noi ci mettiamo tutto l’impegno e la professionalità possibili perchè i nostri progetti, a qualunque pubblico siano rivolti, abbiano sempre un livello e una qualità elevati. Il ruolo economico è il nostro tallone di Achille: ancora non siamo riusciti a raggiungere un peso culturale e sociale tali che giustifichino un contributo istituzionale alla nostra attività. Questo potrebbe essere un obiettivo per il futuro.

Continua a leggere l’intervista qui

L’ALTRA FACCIA DEL CONTEMPORANEO – INTERVISTA 14: ARCHIVIAZIONI, LECCE

Archiviazioni è un progetto aperto di documentazione, discussione e azione che lavora sul rapporto tra arte e sfera pubblica nel Sud d’Italia e all’estero, con particolare attenzione al bacino culturale del Mediterraneo di cui fa parte. Gli strumenti operativi sono le Azioni artistiche e interdisciplinari, che prevedono diversi esiti e modalità di svolgimento in relazione alla specificità dei contesti coinvolti, come programmi di residenza, workshop, produzioni site specific; e Archivica, archivio attivo e in progress nato in risposta alla mancanza di spazi per l’aggiornamento e la ricerca artistica e curatoriale contemporanea nel Sud d’Italia, attraverso l’archivio come pratica educativa, artistica e generativa di nuovi contenuti e modalità operative.

Cosa significa operare lontano dai circuiti culturali consolidati e in un certo senso ai margini del sistema dell’arte?

Da un lato questo aspetto ci permette di sperimentare nuove forme di relazione tra arte e contesto socio-culturale, di avviare processi e fornire strumenti di accesso alle informazioni che potrebbero influenzare la crescita artistica nell’immediato e nel prossimo futuro, e di fornire opportunità d’indagine e riflessione legate al territorio e alle sue peculiarità.  L’altra faccia della medaglia sono le grandi difficoltà da affrontare se si intende cambiare i termini e le condizioni che finora non hanno consentito la creazione di quei circuiti e una crescita artistica locale di livello internazionale.

Come vi rapportate con l’ambiente-territorio in cui lavorate? Come invece con il più ampio panorama nazionale e/o internazionale?

Dopo un anno dall’apertura, in cui è stato indispensabile analizzare le dinamiche territoriali e gli effetti che il progetto avrebbe potuto produrre in relazione alla sua natura aperta e senza confini geografici, attualmente Archiviazioni è in una fase di ridefinizione. Gli strumenti operativi sono Archivica, primo archivio e centro di documentazione per l’arte contemporanea del Sud d’Italia sviluppato sul rapporto tra arte e territorio e sulle sue peculiarità, e le Azionidi indagine artistica e interdisciplinare sul territorio, che prevedono diversi esiti e modalità di svolgimento in relazione alle tematiche e alle specificità dei contesti coinvolti. Il dibattito sul Sud contemporaneo come spazio di partecipazione e sperimentazione di modelli relazionali tra arte e territorio avviene in dialogo e confronto con altre persone e altre realtà che operano in ambito locale, nazionale e internazionale, che operano in ambito strettamente artistico e in ambiti di ricerca affini. Con artisti, curatori, organizzazioni e istituzioni artistiche, archivi di simile natura e esperti di altre discipline Archiviazioni stabilisce rapporti di partnership e collaborazione, che danno vita a modalità diverse di interazione e connessione, nelle fasi di ideazione, sviluppo e produzione dei progetti e per la raccolta in progress del materiale di Archivica.

Quali sono le vostre risorse e potenzialità e al contempo le criticità e i problemi a cui far fronte quando ci si confronta con un contesto provinciale?

Contrariamente ai cosiddetti non-luoghi o a quei luoghi a cui è accomunato dal non avere una funzione e un’identità specifica nell’ambito del sistema artistico contemporaneo, il Sud, e in particolare il Salento dove ho vissuto per un anno per avviare la prima fase del progetto Archiviazioni, non si può fare leva su tali “mancanze” per lavorare su un terreno aperto a più possibilità di azione e crescita, come sta accadendo ad altre città come Bruxelles. Il Salento di oggi e le azioni dei suoi cittadini ad esempio, sono fortemente legati ai confini territoriali e saldamente ancorati ad una recente ridefinizione/rivendicazione identitaria e al relativo immaginario culturale, sociale ed estetico, che promuove un’ulteriore frammentazione geo-politica regionale e italiana e che vede la diversità culturale non come fattore di apertura e contaminazione ma di separazione e chiusura.

Quale ruolo avete (culturale, sociale, economico) nel vostro territorio e come lo avete raggiunto o state tentando di raggiungere?

Credo sia prematuro affermare di aver raggiunto una posizione. Per quel che riguarda il modo in cui stiamo tentando di farlo, intendendo per “territorio” l’ambito geografico e concettuale del Sud contemporaneo, si veda il punto 2.

Continua a leggere l’intervista qui

L’ALTRA FACCIA DEL CONTEMPORANEO – INTERVISTA 13: VIAINDUSTRIAE, FOLIGNO (PG)

VIAINDUSTRIAE è un’associazione culturale non-profit fondata nel 2005 per promuovere, produrre e incentivare la cultura delle arti visive nella dialettica tra storia e contemporaneità

Cosa significa operare lontano dai circuiti culturali consolidati e in un certo senso ai margini del sistema dell’arte?

Non significa nulla, nel senso che chi sceglie di operare nei luoghi interviene per necessità del progetto che spesso risponde a urgenze interne o del contesto. La marginalità è ovunque anche nei centri di gravità del sistema, chi sceglie di affrontarla culturalmente è automaticamente connesso con altre realtà di qualunque collocazione nel mondo, entrando in una dimensione di confronto locale e globale.

Come vi rapportate con l’ambiente-territorio in cui lavorate? Come invece con il più ampio panorama nazionale e/o internazionale?

A questa domanda in parte già rispondo con la prima. Ad ogni modo noi partiamo da due basi: il contesto dove operiamo che entra nella progettazione culturale come elemento fondante e il nostro bagaglio apporto di conoscenza che si traduce nella mediazione culturale ( know
how, relazione ) e nell’archiviazione ( archivio e pubblicazione di opere, manufatti, tracce dei progetti svolti come forma di diffusione ). Dunque partendo dal locale e dal progetto specifico elaboriamo forme di pubblicazione di connettività rivolte al panorama nazionale e
internazionale ( editoria, mostre, progetti di rete, residenze, project rooms, scambi culturali ).

Quali sono le vostre risorse e potenzialità e al contempo le criticità e i problemi a cui far fronte quando ci si confronta con un contesto provinciale?

Nessuna criticità anzi la criticità è fondante. Non patiamo nessuna forma di esclusione riteniamo che il lavoro in provincia sia una condizione di fertilità progettuale. Ci muoviamo molto per gli scambi culturali e per cercare i cosiddetti stimoli che a volte si concentrano in altre città. Spesso una nostra produzione parte dall’Umbria e si muove a Milano, Bologna… in un percorso di naturale esportazione di creatività e progettualità.

Quale ruolo avete (culturale, sociale, economico) nel vostro territorio e come lo avete raggiunto o state tentando di raggiungere?

Da più di sei anni siamo mediatori culturali in ambito prima comunale, poi regionale. Siamo tra le poche e rare associazioni che si occupano di arte contemporanea e spazio pubblico in Umbria. I nostri progetti nel paesaggio urbano e sociale hanno ricevuto positivi riscontri dal cittadino e dall’istituzione municipale e regionale che patrocina e spesso finanzia il progetto. Per raggiungere un buon dialogo abbiamo lavorato dal basso a partire anche dai progetti educativi all’interno delle Politiche giovanili che ci hanno consentito di affrontare anche tematiche urgenti. Questo settore educativo è necessario per far crescere una cultura del contemporaneo laddove ci sono programmi conservativi e tradizionali.

Qual è il pubblico a cui la vi riferite e con cui vi volete confrontare?

Sicuramente l’età giovanile per gli aspetti formativi, il cittadino in genere che si muove, partecipa e vive i luoghi, e ultimo livello lo specialista o cultore della materia laddove proponiamo progetti specialistici ( mostre, editoria, archivio).

Quanto è importante attrarre e coinvolgere un pubblico locale, a volte anche ristretto, in un momento in cui l’Italia sembra ancora puntare ai grandi eventi e al turismo culturale di massa?

La domanda contiene la risposta. Noi per statuto non crediamo, nè pensiamo mai a festival o eventi effimeri, ma progetti continui o periodici in grado di sostenere un programma culturale ed educativo anche legato ai piccoli numeri.

Continua a leggere l’intervista qui

L’ALTRA FACCIA DEL CONTEMPORANEO – INTERVISTA 12: flip project space, Napoli

Flip project space è una piattaforma di approfondimento di vari ambiti in relazione alla cultura contemporanea e alla pratica artistica. I progetti sono il risultato di un network internazionale e di collaborazioni multidisciplinari.

Cosa significa operare lontano dai circuiti culturali consolidati e in un certo senso ai margini del sistema dell’arte?

Significa semplicemente continuare a fare il proprio lavoro, seguire i propri interessi culturali creando una discussione con i propri amici e gli artisti, curatori e professionisti che si sentono più vicini. Non parleremmo di operare lontano dai circuiti consolidati.  I professionisti che gestiscono progetti non profit sono a loro volta protagonisti nel sistema dell’arte e realizzano, in maniera più libera, progetti collaborativi a volte molto interessanti.

Come vi rapportate con l’ambiente-territorio in cui lavorate? Come invece con il più ampio panorama nazionale e/o internazionale?

Napoli e’ una città incredibilmente fertile dal punto di vista culturale in generale e quindi artistico. Qui, il nostro spazio trova innumerevoli spunti. La nostra intenzione non è tuttavia quella di restare confinati a Napoli, piuttosto di avviare collaborazioni e portare avanti progetti  che possono funzionare anche in altri contesti. Partiamo sempre dal coinvolgimento del nostro network di amici, colleghi, curatori, artisti, architetti e creativi  conosciuti un po’ in giro.  La nostra idea è nata a Francoforte quando entrambi frequentavamo la Staedelschule. In precedenza ero stato un anno in California ed un periodo in Austria. Ala è invece originaria di Toronto, io vivo a Glasgow da due anni. Solitamente coinvolgiamo persone che abbiamo incontrato nel nostro percorso e con cui abbiamo condiviso momenti di discussione. Cerchiamo di conoscere sempre bene quelli con cui lavoriamo. L’idea non è quella di confezionare una mostra, ma di far nascere un progetto basato su una discussione che possa poi continuare nel tempo.

Quali sono le vostre risorse e potenzialità e al contempo le criticità e i problemi a cui far fronte quando ci si confronta con un contesto provinciale?

Come  appena detto, crediamo che il network internazionale su cui si basa la nostra attività ci permette  di realizzare progetti con un respiro più ampio. Flip è invitato a mettersi in relazione con contesti sempre diversi.Il nostro progetto how to make a delicious tea, per esempio, dopo essere stato pensato  nella sezione Lido di Artissima lo scorso anno, è stato riproposto presso Art Metropole di Toronto. La nostra potenzialità e risorsa maggiore è la rete di contatti di cui parlavamo prima; grazie a questi il contesto di provenienza con le sue criticità e problematiche non influisce in modo così radicale. 

Quale ruolo avete (culturale, sociale, economico) nel vostro territorio e come lo avete raggiunto o state tentando di raggiungere?

In molte città italiane  il fenomeno degli spazi gestiti da artistiè preminente e molto vivace. Flip è stata una delle prime realtà di questo genere che ha aperto a Napoli, almeno negli ultimi anni. In precedenza ci sono stati alcuni progetti indipendenti non profit come la piattaforma Expòsito o lo spazio Supportico Lopez, nate per iniziativa di curatori. L’ idea di aprire questo spazio è frutto della considerazione delle  dinamiche culturali della città e della necessità di attivare in questo contesto una discussione diversa. Pensiamo che Flip offra l’opportunità di condividere con quanti prendono parte al progetto e vengono da noi invitati a Napoli, alcuni degli aspetti specifici della situazione culturale napoletana. In questo senso è per noi interessante, sebbene lo facciamo in maniera indiretta, occuparci dei contrasti e delle tensioni che coesistono in questo contesto.

Qual è il pubblico a cui vi riferite e con cui vi volete confrontare?

Ci interessa che il pubblico dia un contributo al discorso da noi iniziato. Vorremmo che la separazione tra il lavoro artistico e l’osservatore si dissolva e che la distanza sia superata. Ad interessarci non è la mostra in senso letterale, o meglio anche quando si tratta di una mostra ci interessa che il lavoro abbia un approccio aperto e stimoli un avvicinamento.  In genere cerchiamo di lavorare su format o display che suscitino curiosità.

Continua a leggere l’intervista qui

L’ALTRA FACCIA DEL CONTEMPORANEO – INTERVISTA 11: white.fish.tank, Ancona

Ideato da Ljudmilla Socci e diretto con Elisa Piersimoni, white.fish.tank si è costituito nel luglio del 2010 ad Ancona quale associazione no-profit attivamente impegnata nella cura e diffusione di iniziative artistiche orientate alla ricerca.
Un programma cosmopolita – formulato con il supporto dello storico dell’arte, critico e curatore Andrea Bruciati, in un’ottica di confronto, sperimentazione e stimolo – che affianca alle proposte di artisti internazionali un’offerta più specificatamente legata al territorio.
Un progetto-laboratorio volto a creare opportunità per i giovani artisti che si formano e/o operano nelle Marche.
Un luogo di osservazione, produzione e riflessione per artisti e addetti ai lavori, ma anche per un pubblico sempre più ampio, attento e curioso.
Un progetto-piattaforma aperto a collaborazioni estensive miranti a creare un network di operatori, pubblici e privati, per l’attivazione di progetti organici e puntuali, frutto di un’alleanza forte anche tra arte ed imprenditoria, per uno sviluppo sostenibile della cultura contemporanea.

Cosa significa operare lontano dai circuiti culturali consolidati e in un certo senso ai margini del sistema dell’arte?

Con l’esplosione del World Wide Web, il concetto di marginale è profondamente mutato, si può essere ovunque e raggiungere chiunque senza uscire di casa. Il decentramento può rappresentare un valore aggiunto, un’opportunità per innescare dinamiche di stimolo culturale al di là delle tendenze omogeneizzanti del sistema imperante.

Come vi rapportate con l’ambiente-territorio in cui lavorate? Come invece con il più ampio panorama nazionale e/o internazionale?

Tenere conto delle specificità del territorio di appartenenza è di fondamentale importanza, non si può pensare ad un’attività culturale eloquente che prescinda dal contesto d’inserimento e che al tempo stesso non attivi dinamiche di collaborazione e confronto capaci di guardare oltre i propri confini.

Quali sono le vostre risorse e potenzialità e al contempo le criticità e i problemi a cui far fronte quando ci si confronta con un contesto provinciale?

Da un lato un coinvolgimento più diretto da parte dei soggetti interessati che nella maggior parte dei casi si traduce in un sistema più snello e flessibile; dall’altro una propensione marcata verso due meccanismi ugualmente deleteri e apparentemente opposti: autoreferenzialità ed emulazione.

Quale ruolo avete (culturale, sociale, economico) nel vostro territorio e come lo avete raggiunto o state tentando di raggiungere?

Senza banalizzare sul rischio d’estinzione, vogliamo innescare uno stimolo forse utopico: quello del white.fish.tank è una sorta di progetto pioniere che vuole dimostrare come beni rari, quali la passione e il credere nelle cose, possano far realizzare programmi di estremo interesse anche in condizioni per nulla ottimali.

Qual è il pubblico a cui la vi riferite e con cui vi volete confrontare?

Ci rivolgiamo a persone curiose, si tratti di neofiti o conoscitori, giovanissimi o veterani; l’arte e la cultura sono pratiche partecipative che vanno ben al di là della mera contemplazione, pratiche che richiedono allo “spettatore” lo stesso sforzo cosciente e consapevole di capire e conoscere, che l’artista pretende dal proprio lavoro.

Continua a leggere l’intervista qui

L’ALTRA FACCIA DEL CONTEMPORANEO – INTERVISTA 10: FOSCA, Firenze

Il progetto Fosca è una rete in continua definizione che mira a creare spazi di indagine e riflessione nella cultura contemporanea, attraverso creazioni nell’ambito delle arti performative e visive. Tale progetto trova la sua origine e riconosce una sorta di continuità con alcune realtà ed esperienze di teatro di ricerca e organizzazioni di eventi culturali nel territorio metropolitano toscano.
Fosca non vuole essere una formazione di persone, piuttosto un insieme di collaborazioni e vissuti, in continua mutazione fra soggetti, linguaggi, territori e ambiti disciplinari. E’ uno spazio mentale che trova la sua manifestazione in azioni concrete nella ricerca artistica e nello studio dei linguaggi della contemporaneità, occupandosi trasversalmente di cultura, educazione, socialità, scienze umane. E’ progetto di creazione, produzione e promozione artistica di spettacoli, laboratori, eventi, momenti di studio, mostre, pubblicazioni, trasmissioni radiofoniche.

Cosa significa operare lontano dai circuiti culturali consolidati e in un certo senso ai margini del sistema dell’arte?

Non ci siamo mai poste nessun limite di interlocuzione rispetto al contesto, abbiamo piuttosto cercato e ricerchiamo sinergie specifiche per ogni progetto che abbracciano sia realtà “di settore” che ambiti marginali o assolutamente avulsi dalla produzione artistica. Questo ci permette di avere uno scambio vivace e produttivo con diverse realtà sociali ampliando il numero dei nostri interlocutori e la qualità della relazione con il pubblico. Il nostro modo di lavorare più che marginale rispetto al sistema dell’arte ci consente di ridefinire costantemente la nostra posizione rispetto a tale sistema aggiungendo senso alla creazione artistica.

Come vi rapportate con l’ambiente-territorio in cui lavorate? Come invece con il più ampio panorama nazionale e/o internazionale?

I nostri lavoro nasce in relazione e dialogo con artisti e ambiti di ricerca, abbiamo costruito un network interdisciplinare che ci consente uno scambio e una partecipazione allargata sui nostri progetti. Sul territorio abbiamo scelto di attivare uno spazio, nel 2010 abbiamo preso una sede specifica Frau Frisör Fosca ex barbiere di un quartiere periferico, questo ci ha permesso di calarsi con maggiore concretezza nel territorio cercando di restituire non solo un luogo di fruizione artistica ma anche uno spazio di socialità. Al tempo stesso abbiamo coinvolto e costantemente ci poniamo in relazione con artisti e gruppi di ricerca attivi su scala nazionale e facciamo parte di un network di spazi indipendenti che si occupano di produzione artistica in Italia con cui abbiamo partecipato ad Artissima Lido (artissima torino 2012)

Quali  sono le vostre risorse e potenzialità e al contempo le criticità e i problemi a cui far fronte quando ci si confronta con un contesto provinciale?

Il contesto fiorentino è un sicuramente provinciale con delle problematiche legate al sostegno al contemporaneo peculiari solo alle città d’arte. Prima problematica è quindi legata alla progettualità istituzionale volta al sostegno delle realtà di ricerca, la tendenza istituzionale è imprgnata a cercare il grande nome più che a dare sostegno continuativo alle attività artistiche e social practice attive sul territorio, diviene così complicato dare continuità a percorsi che si occupano di sperimentazione e di relazione attiva con il pubblico e il contesto. Un vantaggio è quello di avere molte occasioni di scambio e facilità di relazione con le altre realtà e gli artisti locali e cercare spesso insieme delle dimensioni interessanti per la produzione artistica.

Quale ruolo avete (culturale, sociale, economico) nel vostro territorio e come lo avete raggiunto o state tentando di raggiungere?

Fin dalla sua formazione come associazione culturale, Fosca ha portato avanti l’attività specifica laboratoriale sia nelle scuole primarie di primo e secondo livello, sia in centri d’arte e teatrali. In questi anni, con l’inizio delle attività dello spazio Frau Frisör Fosca siamo divenuti punto di riferimento per consulenze e attività legate alle arti performative all’interno del contesto territoriale e del quartiere in cui siamo inseriti. Abbiamo relazioni con istituti internazionali e festival internazionali che ci coinvolgono nelle loro programmazioni. E’ nostro interesse affiancare le produzioni artistiche (performance e progetti artistici) con il lavoro di consulenza e di laboratorio, cerchiamo attraverso questa combinazione di sensibilizzare quei contesti meno toccati dalla produzione artistica portando una sensibilità e una visione del contenporaneo vicino a più persone e contesti.

Qual è il pubblico a cui vi riferite e con cui vi volete confrontare?

Non ci interessa il pubblico di settore ma un rapporto con i luoghi e le persone che ne fanno parte e li animano.

Continua a leggere l’intervista qui