L’ALTRA FACCIA DEL CONTEMPORANEO – INTERVISTA 7: TEMPORARY BLACK SPACE, BERGAMO

Temporary Black Space è un collettivo di artisti e curatori indipendenti fondato nel 2008 che fa principalmente riferimento a uno spazio-laboratorio situato a Bergamo Alta. La forte connotazione dei suoi allestimenti, in cui diversi materiali si stratificano formando “situazioni pregnanti”, genera una ri-identificazione di luoghi, oggetti e significati. Gli eventi organizzati sono una risposta alla necessità di creare un sistema organico, frutto della contaminazione tra diverse persone e discipline, attraverso il quale proporre modi per intendere l’arte, la cultura e le relazioni sociali.

Cosa significa operare lontano dai circuiti culturali consolidati e in un certo senso ai margini del sistema dell’arte?

Significa confrontarsi con situazioni che spesso non sono abituate a recepire ciò che proponi, ma significa anche avere la libertà e il piacere di relazionarsi con persone che apprezzano sinceramente la possibilità di incontro, riflessione o scoperta che gli stai proponendo.

Come vi rapportate con l’ambiente-territorio in cui lavorate? Come invece con il più ampio panorama nazionale e/o internazionale?

Con il territorio ci interfacciamo continuamente, attraverso progetti che possano essere compresi e al contempo ci lascino buoni margini di sperimentazione; per noi diventa una palestra in cui provare “nuove formule”. Con il panorama più ampio abbiamo contatti attraverso artisti o curatori che ci capita di incontrare e a quali abbiamo la possibilità di trasmettere la vera natura del nostro lavoro.

Quali sono le vostre risorse e potenzialità e al contempo le criticità e i problemi a cui far fronte quando ci si confronta con un contesto provinciale?

Le risorse sono offerte dalla conoscenza del luogo, del contesto e delle dinamiche che lo regolano, le difficoltà possono provenire dalla scarsa  consapevolezza, sia del pubblico che delle istituzioni, di quali siano le dinamiche che stanno dietro a una proposta artistica.

Quale ruolo avete (culturale, sociale, economico) nel vostro territorio e come lo avete raggiunto o state tentando di raggiungere?

Pensiamo di essere riconosciuti in quanto spazio che fa proposte del tutto svincolate da qualsiasi altro format che si possa trovare in città, e in generale come realtà dall’approccio molto impegnato in senso sperimentale tout court. Abbiamo raggiunto (e stiamo raggiungendo) questa condizione unicamente attraverso la persistenza e l’incisività delle nostre proposte. Per noi resta di primaria importanza la sensibilizzazione, anche se indiretta, rispetto a questioni quali la Ricerca, in quanto vero valore di un progetto, a cui si aggiungono la Sperimentazione, l’Entusiasmo, l’Umanità e la Meritocrazia. Vorremmo creare dei processi di ri-connessione con la realtà molto più reali ed utili per il pubblico e mantenere una sensibilità verso quelle che sono problematiche piuttosto vaste. Un esempio pratico molto semplice è dato da come, nel fare progetti, cerchiamo sempre più di non consumare inutilmente energia ed evitare elevati impatti ambientali come di solito succede con la produzione artistica. Le opere inquinano, sì, purtroppo..e mai come ora bisogna prestarvi attenzione, specialmente in Italia.

Continua a leggere l’intervista qui

Annunci

One thought on “L’ALTRA FACCIA DEL CONTEMPORANEO – INTERVISTA 7: TEMPORARY BLACK SPACE, BERGAMO

  1. antonio ha detto:

    Davvero complimenti per aver inserito questa intervista. La vostra Fondazione rimane sempre una dei migliori punti di riferimento a livello nazionale per noi appassionati.

    Vorrei cogliere l’occasione, e mostrare apertamente il mio pieno appoggio a questa realtà che seguo da qualche anno. Io ed altri collezionisti ce ne siamo letteralmente innamorati, travolti dalla forte originalità e ricerca dei loro progetti e opere. Abbiamo ripreso ad amare il rischio come da tempo non succedeva.

    i miei migliori auspici

    Antonio di Fusco & Partners

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: