L’ALTRA FACCIA DEL CONTEMPORANEO – INTERVISTA 13: VIAINDUSTRIAE, FOLIGNO (PG)

VIAINDUSTRIAE è un’associazione culturale non-profit fondata nel 2005 per promuovere, produrre e incentivare la cultura delle arti visive nella dialettica tra storia e contemporaneità

Cosa significa operare lontano dai circuiti culturali consolidati e in un certo senso ai margini del sistema dell’arte?

Non significa nulla, nel senso che chi sceglie di operare nei luoghi interviene per necessità del progetto che spesso risponde a urgenze interne o del contesto. La marginalità è ovunque anche nei centri di gravità del sistema, chi sceglie di affrontarla culturalmente è automaticamente connesso con altre realtà di qualunque collocazione nel mondo, entrando in una dimensione di confronto locale e globale.

Come vi rapportate con l’ambiente-territorio in cui lavorate? Come invece con il più ampio panorama nazionale e/o internazionale?

A questa domanda in parte già rispondo con la prima. Ad ogni modo noi partiamo da due basi: il contesto dove operiamo che entra nella progettazione culturale come elemento fondante e il nostro bagaglio apporto di conoscenza che si traduce nella mediazione culturale ( know
how, relazione ) e nell’archiviazione ( archivio e pubblicazione di opere, manufatti, tracce dei progetti svolti come forma di diffusione ). Dunque partendo dal locale e dal progetto specifico elaboriamo forme di pubblicazione di connettività rivolte al panorama nazionale e
internazionale ( editoria, mostre, progetti di rete, residenze, project rooms, scambi culturali ).

Quali sono le vostre risorse e potenzialità e al contempo le criticità e i problemi a cui far fronte quando ci si confronta con un contesto provinciale?

Nessuna criticità anzi la criticità è fondante. Non patiamo nessuna forma di esclusione riteniamo che il lavoro in provincia sia una condizione di fertilità progettuale. Ci muoviamo molto per gli scambi culturali e per cercare i cosiddetti stimoli che a volte si concentrano in altre città. Spesso una nostra produzione parte dall’Umbria e si muove a Milano, Bologna… in un percorso di naturale esportazione di creatività e progettualità.

Quale ruolo avete (culturale, sociale, economico) nel vostro territorio e come lo avete raggiunto o state tentando di raggiungere?

Da più di sei anni siamo mediatori culturali in ambito prima comunale, poi regionale. Siamo tra le poche e rare associazioni che si occupano di arte contemporanea e spazio pubblico in Umbria. I nostri progetti nel paesaggio urbano e sociale hanno ricevuto positivi riscontri dal cittadino e dall’istituzione municipale e regionale che patrocina e spesso finanzia il progetto. Per raggiungere un buon dialogo abbiamo lavorato dal basso a partire anche dai progetti educativi all’interno delle Politiche giovanili che ci hanno consentito di affrontare anche tematiche urgenti. Questo settore educativo è necessario per far crescere una cultura del contemporaneo laddove ci sono programmi conservativi e tradizionali.

Qual è il pubblico a cui la vi riferite e con cui vi volete confrontare?

Sicuramente l’età giovanile per gli aspetti formativi, il cittadino in genere che si muove, partecipa e vive i luoghi, e ultimo livello lo specialista o cultore della materia laddove proponiamo progetti specialistici ( mostre, editoria, archivio).

Quanto è importante attrarre e coinvolgere un pubblico locale, a volte anche ristretto, in un momento in cui l’Italia sembra ancora puntare ai grandi eventi e al turismo culturale di massa?

La domanda contiene la risposta. Noi per statuto non crediamo, nè pensiamo mai a festival o eventi effimeri, ma progetti continui o periodici in grado di sostenere un programma culturale ed educativo anche legato ai piccoli numeri.

Continua a leggere l’intervista qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: